Dolce, digeribile, ma soprattutto apprezzato da chi conduce una dieta ipocalorica, grazie al suo modesto apporto energetico, la scarsa presenza di proteine e lipidi.
Il Peperone di Pontecorvo Dop, oltre a trovare largo impiego a tavola, nella preparazione di piatti, ma anche di liquori e marmellate, è un ottimo alleato della salute, soprattutto se consumato crudo, grazie all’alta quantità di vitamina C e alle vitamine A, B1, B2 e B3. Ricco soprattutto di acqua, ed è apprezzato per il suo notevole apporto di sali minerali (in particolare di potassio).

Contiene inoltre licopene e antocianine, sostanze con forti proprietà antiossidanti.

Valori nutrizionali del Peperone di Pontecorvo Dop:

Cento grammi di peperone apportano all’organismo appena 22 calorie e contengono anche:

  • oltre il 92% di acqua
  • 4,20 g di carboidrati
  • 0,90 g di proteine
  • 28 mg di fosforo
  • 0,3 g di grassi
  • 219 mg di potassio
  • 17 mg di calcio
  • 151 mg di vitamina C
  • 139 mg di vitamina A

Possibili benefici del Peperone di Pontecorvo Dop

La presenza di carotenoidi può essere un supporto utile a contrastare i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare. Mentre la presenza di sali minerali può offrire un contributo efficace a stimolare la vitalità dei tessuti attivando il circolo venoso e capillare e nella prevenzione delle malattie vascolari.

Oltre ad avere effetti diuretici, depurativi e lassativi grazie alla presenza potassio, beta-carotene, acqua e fibre, i peperoni sono ottimi alleati di chi conduce una dieta ipocalorica.

In più questi ortaggi contengono la luteolina, una sostanza che aiuta a preservare le cellule celebrali, contribuendo a rallentare l’invecchiamento delle cellule del cervello e a migliorare la memoria.
La capsicina, che è la sostanza difficile da digerire, è presente in quantità maggiori nella buccia, ha proprietà antibatteriche, analgesiche e antitumorali.

Possibili controindicazioni del peperone

Anche se il Peperone di Pontecorvo è particolarmente digeribile rispetto agli altri, il suo consumo andrebbe evitato da parte di soggetti che soffrono di colon irritabile, ulcera gastrica, e altre criticità legate all’apparato digerente.

 

Foto: © Peperdop