Ha il compito di preservare i prodotti legati al territorio e alla memoria, senza però dimenticare la produzione di torte moderne, mignon e la tanto amata pasticceria salata e finger food che le permette di sfruttare la sua vena artistica.

Questo il ritratto di Simonetta Isanti, 40 anni, chef pasticcera che vive e lavora a Corchiano (Viterbo) nell’attività di famiglia che ha rilevato nel 2002 insieme al marito, al fratello e alla cognata.