Una farcitura decisamente innovativa per questa focaccia che accosta con insolita fantasia ingredienti semplici perché, secondo lo chef Nicola Salvatore che l’ha creata, “la pizza è un piatto sul quale ognuno può dare libero sfogo alla propria fantasia ma con parsimonia, senza mai esagerare, perché il troppo è peggio del poco”.

Ricetta per 4 persone
Farina Multicereali Tipo “1” e/o “2” gr. 1.000
acqua gr. 550
lievito secco gr. 2
olio Evo gr. 20 per l’impasto e gr. 50 per il condimento
Sale marino fino gr. 20 per l’impasto e gr. 30 per il condimento
Carote dell’Altopiano del Fucino Igp 400 gr.
Misticanza di campo gr. 400
Funghi Champignons gr. 200
Frutti di bosco gr. 200
Mais gr. 200
Olio di Arachidi per la frittura della carote gr. 300

Preparazione

Preparare l’impasto miscelando le farine e aggiungendo il lievito; disporre la farina a fontana, aggiungere l’acqua e iniziare ad impastare. Quando l’impasto raggiunge una moderata consistenza, aggiungere il sale e ultimare con l’olio. Quando si avrà un impasto liscio ed omogeneo, formare una palla e lasciarla riposare per almeno 3 ore a temperatura costante di circa 22 gradi coprendola con una pellicola. Quando l’impasto sarà raddoppiato di volume, procedere a formare 4 palle da far maturare per almeno due ore sempre a temperatura costante mantenendole umide.

La farcitura

Lavare le carote, affettarle sottilmente in maniera longitudinale e friggerle fino a farle diventare croccanti, facendo attenzione a non bruciarle. Dopo la cottura, farle asciugare su una carta assorbente, salarle leggermente e farle raffreddare. Spellare e tagliare i funghi a fettine sottili. Preparare la misticanza a vostro piacimento.

Per la cottura in casa

Riscaldare il forno a 220°/250°, disporre in teglia e allargare l’impasto ottenendo un disco aderente ai bordi, lasciare riposare in teglia. Quando il forno avrà raggiunto la temperatura desiderata, effettuare dei buchi in superficie con la pressione delle dita e oliare, quindi infornare e cuocere fino a doratura. Togliere dal forno, lasciare intiepidire, dopodiché farcire nel seguente ordine: prima la misticanza di campo, già condita con un filo di olio EVO, a seguire le chips di carote, i frutti di bosco, i funghi ed il mais. A piacere, aggiungere della frutta secca mista triturata per dare ulteriore croccantezza al piatto.

Lo chef Nicola Salvatore è direttore e socio del ristorante Jamm bell – Pizzeria DOC Abruzzese (via Alento, 70 B – Piazzale Stazione, 66023 Francavilla al Mare)