11 Settembre 2018 - 21:00 . UMBRIA . VINO

Oche in vigna: esperimento a Montefalco

Tra i filari di Montefalco le oche sono libere di scorazzare per tagliare i trattamenti chimici in vigna e i costi del gasolio. È la scelta agronomica dell’azienda vitivinicola Di Filippo a Montefalco in provincia di Perugia che aiuta a contenere i costi d’impresa e permette di offrire al consumo calici di vino sostenibile. Come spiegano Roberto Di Filippo e la sorella Emma (viticoltori con metodo dell’agricoltura Biologica e della filosofia Biodinamica) sono 400 le oche che “pascolano” dalle sei del mattino e tornano da sole alle sette di sera, facendo involontariamente un lavoro molto importante: si nutrono dell’erba infestante, eliminando la necessità di tagliarla con attrezzi meccanici, o peggio ricorrere a diserbanti chimici. In questo modo le oche consentono di far risparmiare 100 litri di carburante ad ettaro per trattori e falciatrici, ma con il loro passo lieve le oche non compattano né riducono la fertilità il terreno, come farebbe il passaggio di una pesante falciatrice. Questo esito giova moltissimo alla pianta. Le oche concimano, fertilizzano e migliorano la qualità della sostanza organica, potenziando l’attività microbica del suolo, evitando l’impiego di diserbanti.

 

Foto By Ansa.it