I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Campania Prodotti

Castagna di Montella

Ortofrutticoli e cereali, Ortofrutticoli e cereali

IGP

Descrizione

Carta d’Identità
La Castagna di Montella IGP è medio-piccola, dalla forma tonda con faccia inferiore piatta e base convessa. La buccia è di colore marrone. La polpa è bianca, croccante e dal sapore dolce e gradevole.

La Storia
Secondo molti l'importazione del castagno dall'Asia Minore, risalirebbe al VI-V secolo a.C. E quindi anche la sua coltivazione e consumazione del frutto. Già dal 571, quindi con i Longobardi, si intuì l'importanza della coltura, e così fu emanata la prima legge per la tutela del frutto, evidentemente già all'epoca ritenuta una preziosa risorsa.  La castagna di Montella nel XIX secolo arrivò fino negli Stati Uniti e in Canada. Il frutto ha ricevuto nel 1987 la DOC risultando unico caso in Italia di prodotto ortofrutticolo. 

L'Area
La zona di produzione della Castagna di Montella IGP ricade nei territori dei comuni di Montella, Bagnoli Irpino, Cassano Irpino, Nusco, Volturara Irpina e Montemarano, in particolare in contrada Bolifano, nella provincia di Avellino.

La Stagionalità
La raccolta delle castagne ha inizio i primi giorni di ottobre e può prolungarsi per 20-30 giorni richiedendo ripetute passate sotto le piante.

Preparazione e Abbinamenti
La Castagna di Montella DOC può essere destinate al consumo fresco, alla conservazione o alla produzione di castagne bianche, dalle quali si ricava la farina di castagne, mentre i marroni sono particolarmente ricercati dall’industria dolciaria per la produzione di prodotti pregiati come i Marron Glacé o per altre utilizzazioni in pasticceria, come la produzione di creme, marmellate e puree. Rinomata è la ricetta della “castagna del prete”, tipica del periodo natalizio, realizzata con le castagne in guscio che vengono prima essiccate a fuoco lento.  In cucina è sublime come ingrediente di primi e secondi piatti, ottima nelle minestre e per guarnire carni. Va abbinata al vino irpino, rosso quando viene consumata coi i primi piatti e nei secondi o come caldarrosta, con i bianchi se unita a budini, crostate e gelati. 

Dove viene prodotto
Potrebbe interessarti

Fava di Ustica - PSF

Un alimento semplice e genuino, coltivato nel rispetto della tradizione e dell’ambiente. Consumata sia cruda che cotta, sprigiona un sapore di Primavera, pieno e fresco.

Pasta di Gragnano - IGP

La pasta più apprezzata dagli chef italiani e stranieri, la Pasta di Gragnano IGP, ha formati diversi, tutti tipici, frutto della fantasia dei pastai gragnanesi.

Cipolla Rossa di Acquaviva - PSF

La Cipolla Rossa di Acquaviva si distingue dalle altre tipologie per il suo sapore particolarmente dolce, per la sua tipica forma appiattita e per la sua colorazione.