I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Puglia Prodotti

Cavolfiore di Moncalieri

Ortofrutticoli e cereali, Ortaggi e conserve vegetali

Presidio Slow Food

Descrizione

Carta d’Identità
Il Cavolfiore di Moncalieri si presenta con una parte centrale formata da tante cupolette avvolte a spirale, come il cavolfiore romanesco. A differenza dei cavolfiori romaneschi e dei classici cavolfiori “a palla di neve”, il Cavolfiore di Moncalieri ha un colore avorio tendente al giallino.
La Storia 
Le origini di questo cavolfiore sono francesi: si pensa infatti che fu introdotto in Italia dai Savoia quando si sono insediati in Piemonte. Col il tempo la coltivazione di questo cavolfiore si è consolidata sempre di più grazie anche alle caratteristiche pedoclimatiche favorevoli, come i terreni ricchi di sabbia che permettono una buona circolazione dell’acqua, e il clima rigido. Negli anni Settanta, la coltivazione di questa varietà è entrata in crisi a causa dell’introduzione di varietà più commerciali e con cicli produttivi più rapidi. Negli anni duemila, la coltivazione del Cavolfiore di Moncalieri è stata gradualmente ripresa, anche se è condotta da pochi coltivatori. Obiettivo del Presidio è quello di recuperare questo prodotto, coinvolgendo nuovi coltivatori, valorizzarlo e farlo conoscere a ristoratori e consumatori.
L’Area
La zona di produzione del Cavolfiore di Moncalieri interessa i terreni a ridosso della collina a sud di Torino.
La Stagionalità
La raccolta del cavolfiore di Moncalieri è scalare, inizia a ottobre e si protrae per tutto l’inverno.
Preparazione e Abbinamenti
Il cavolfiore di Moncalieri si presta a qualsiasi tipo di preparazione: si mangia fritto, bollito, abbinato alla bagna cauda (tipica salsa a base di acciughe, aglio e olio extravergine di oliva). In bocca è sapido e ha una consistenza compatta e croccante, anche dopo la cottura. Rispetto ai più comuni cavolfiori ha un odore più delicato, è più facile da digerire ed è possibile degustarlo anche crudo in insalata, con olio, parmigiano, pepe e sale. Sono molto buone (sia crude, sia cotte) anche le foglie che lo avvolgono.
Dove viene prodotto
Potrebbe interessarti

Fava di Ustica - PSF

Un alimento semplice e genuino, coltivato nel rispetto della tradizione e dell’ambiente. Consumata sia cruda che cotta, sprigiona un sapore di Primavera, pieno e fresco.

Pasta di Gragnano - IGP

La pasta più apprezzata dagli chef italiani e stranieri, la Pasta di Gragnano IGP, ha formati diversi, tutti tipici, frutto della fantasia dei pastai gragnanesi.

Cipolla Rossa di Acquaviva - PSF

La Cipolla Rossa di Acquaviva si distingue dalle altre tipologie per il suo sapore particolarmente dolce, per la sua tipica forma appiattita e per la sua colorazione.