I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Lazio Prodotti

Chiacchietegli di Priverno

Ortofrutticoli e cereali, Ortaggi e conserve vegetali

Presidio Slow Food

Descrizione

Carta d’Identità
Parenti dei broccoletti, i Chiacchietegli di Priverno sono un ecotipo di rapa locale e appartengono alla famiglia delle Brassicacee. Sono caratterizzati da un colore viola e da un sapore molto delicato. Il loro nome deriva dall’operazione di raccolta che ricorda la «scacchiatura», il lavoro di potatura di getti e germogli superflui che ogni contadino conosce bene.

La Storia
Le origini dei Chiacchietegli di Priverno sono sconosciute. In passato, a Priverno erano, insieme per l’appunto ai broccoletti, uno degli ortaggi più coltivati. Ora a farlo sono rimasti una decina di contadini.  Un volta venivano coltivati in una zona pianeggiante di circa trecento ettari, lungo la riva destra del fiume Amaseno, denominata «L’Isola». I contadini privernati producevano questi ortaggi sia per il consumo familiare sia per la vendita nel mercato rionale di Piazza Trieste e nel mercato all’ingrosso dell’Osteria-Madonna del Pozzillo.

L’Area
I Chiacchietegli si coltivano in provincia di Latina, più precisamente nelle aree pianeggianti del comune di Priverno, in prossimità del fiume Amaseno.

La Stagionalità
La loro prima raccolta avviene sotto Natale e prosegue poi fino a primavera.

Preparazione e abbinamenti
Si cucinano come i broccoletti e cucinati così sono uno dei contorni più prelibati della gastronomia privernate. Ma vengono utilizzati anche nella preparazione di una tipica zuppa locale. Durante la cottura, tirano fuori un liquido dalla caratteristica colorazione bluastra. Anche la «zuppa di chiacchietegli», come gli stessi ortaggi, rischia di scomparire. E’ un piatto povero della tradizione contadina che in passato ha sfamato intere generazioni di privernati.

Dove viene prodotto
Potrebbe interessarti

Fava di Ustica - PSF

Un alimento semplice e genuino, coltivato nel rispetto della tradizione e dell’ambiente. Consumata sia cruda che cotta, sprigiona un sapore di Primavera, pieno e fresco.

Pasta di Gragnano - IGP

La pasta più apprezzata dagli chef italiani e stranieri, la Pasta di Gragnano IGP, ha formati diversi, tutti tipici, frutto della fantasia dei pastai gragnanesi.

Cipolla Rossa di Acquaviva - PSF

La Cipolla Rossa di Acquaviva si distingue dalle altre tipologie per il suo sapore particolarmente dolce, per la sua tipica forma appiattita e per la sua colorazione.