I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Toscana Prodotti

Lardo di Colonnata

Carne e derivati, Prodotti a base di carne

IGP

Descrizione

Carta d’Identità
Il Lardo di Colonnata IGP è un salume di forma rettangolare con uno spessore non inferiore ai 3 cm. Si presenta con la parte superiore ricoperta dal sale di stagionatura reso scuro dalle piante aromatiche e dalle spezie. Al gusto delicato e fresco, quasi dolce, finemente sapido se proveniente dalla zona delle natiche e arricchito dalle erbe aromatiche e le spezie usate nella lavorazione.

La Storia
L’attribuzione della fama della frazione di Colonnata all’attività di produzione del Lardo di Colonnata, passa
dalla presenza di conche di marmo risalenti ai secoli XVII, XVIII e XIX e da riferimenti religiosi, quali il culto locale di S. Antonio Abate, considerato nei secoli ispiratore delle guarigioni del «fuoco sacro» attraverso applicazioni di lardo sulla pelle, nonché la dedica della chiesa parrocchiale a S. Bartolomeo, patrono dei macellai; riferimenti culturali, come lo svolgimento di una tradizionale sagra del lardo in coincidenza con la festa di S. Bartolomeo e riferimenti gastronomici, quali le numerose attestazioni nel tempo sulla bontà del prodotto unite alle informazioni sulla provenienza esclusiva del prodotto da Colonnata. Secondo una leggenda Michelangelo, quando saliva a Colonnata per scegliere i blocchi di marmo per il lavoro statuario, faceva incetto del lardo del quale era molto goloso. 

L’Area
Colonnata, (532 m.s.l.m) è un antico borgo, frazione del comune di Carrara situato sulle pendici delle Alpi Apuane è conosciuto in tutto il mondo per il lardo, le cave di marmo e per aver dato i natali a Michele Cattani, al poeta, scultore architetto Danese Cattaneo, amico di Torquato Tasso, e al musicista Fra Giovanni Lorenzo Cattani. La produzione, il consumo e la cultura del lardo a Colonnata sono stati sempre legati al lavoro e alla vita dei cavatori.

La Stagionalità
Il Lardo di Colonnata è disponibile tutto l’anno.

Preparazione e Abbinamenti
Il modo più tipico in cui degustare il Lardo di Colonnata è sicuramente quello di stenderlo su pane abbrustolito come antipasto. Il Lardo di Colonnata è un ingrediente eccellente per la preparazione del minestrone alla contadina o alla Toscana ed è possibile degustarlo anche cotto nella carta stagnola, al cartoccio, sulla griglia o al forno domestico. Aggiungere qualche fettina di lardo alle patate al forno ne risalta il sapore, oppure lo si può aggiungere nel soffritto del coniglio o degli arrosti. Un altro utilizzo consiste nel prendere delle prugne secche e avvolgerle in una sottile fetta di Lardo di Colonnata. Passandole al forno pochi minuti, si otterrà un antipasto tradizionale ottimo da gustare.

Dove viene prodotto
Potrebbe interessarti

Conegliano Valdobbiadene - DOP

Il Conegliano Valdobbiadene si riconosce per la sua eleganza vitale, il colore paglierino leggero, la moderata corposità, l'esclusivo profumo fruttato e floreale.

Lonzino di Fico - Presidio Slow Food

Il Lonzino di Fico è composto da fichi secchi (raccolti a fine settembre), amalgamati con altri ingredienti tradizionalmente contadini come mandorle, noci e semi di anice stellato.

Carciofo Spinoso di Menfi - Presidio Slow Food

Varietà di Carciofo molto ricercata per cottura alla brace e per la produzione di sottoli, caponate e paté. Il suo alto contenuto di lignina lo rende infatti più resistente sia alla conservazione in olio.