I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Abruzzo Prodotti

Mieli dell'Appennino Aquilano

Altri prodotti, Miele

Presidio Slow Food

Descrizione

Carta d’Identità
I Mieli dell’Appennino Aquilani Presidio Slowfood sono composti da una selezione dei deliziosi mieli della provincia di L’Aquila. Questa selezione è costituita dai mieli Uniflorali della montagna appenninica abruzzese (quello di Santoreggia, di Sideretis e di Marrubio) e dai mieli Millefiori di montagna (i mieli prodotti da apiari posti a quote superiori a 800 m. slm.).

La Storia
L’Abruzzo è “un paese dove scorre latte e miele”. Il latte, alimento base per i pastori, e il miele, l’equivalente di un dessert e rappresentava la dolcezza di vivere, in una civiltà che fino a qualche decennio fa non conosceva affatto lo zucchero, più raffinato e più costoso. La parola, forse, è addirittura ittita, melit, e per secoli, prima dell’arrivo del diretto concorrente, è stato l’unico alimento dolce disponibile.

L’Area
La produzione dei tre tipi di Mieli dell’Appennino Aquilano avviene nelle zone montane aquilane, partendo da un’altitudine minima di 850 metri sul livello del mare. Le aree di produzione sono 3: due aree sul versante aquilano del Gran Sasso per la Santoreggia e una nell’area marsicana del Massiccio del Sirente Velino per la Stregonia.

La Stagionalità
Le stagionalità dei Mieli dell’Appennino Aquilano varia a seconda delle tipologie dei mieli.
Degli studi dimostrano che oltre la quota di 850 metri avviene uno straordinario aumento di fioriture. Ciò permette alle piante di fiorire in un ecosistema ampio e variegato, conferendo così un sapore unico ai loro derivati. Durante l’estate si produce il miele Millefiori, da maggio a luglio fiorisce la Stregonia e da luglio fino a fine estate la Santoreggia.

Preparazione e abbinamenti
I Mieli dell’Appennino Aquilano sono un ingrediente fondamentale per la preparazione di uno dei dolci tipici abruzzesi più apprezzati: la cicerchiata. La cicerchiata è un dolce a base di farina, uova, olio extra vergine di oliva, zucchero; dal loro impasto si ricavano delle palline di un centimetro di diametro che vengono fritte in olio bollente o nello strutto, scolate e mescolate con miele bollente. Il miele, una volta freddo, solidifica la struttura del dolce che resta intatto per diversi giorni.

Dove viene prodotto
Potrebbe interessarti

Fava di Ustica - PSF

Un alimento semplice e genuino, coltivato nel rispetto della tradizione e dell’ambiente. Consumata sia cruda che cotta, sprigiona un sapore di Primavera, pieno e fresco.

Pasta di Gragnano - IGP

La pasta più apprezzata dagli chef italiani e stranieri, la Pasta di Gragnano IGP, ha formati diversi, tutti tipici, frutto della fantasia dei pastai gragnanesi.

Cipolla Rossa di Acquaviva - PSF

La Cipolla Rossa di Acquaviva si distingue dalle altre tipologie per il suo sapore particolarmente dolce, per la sua tipica forma appiattita e per la sua colorazione.